Sostienici! Rivista-Impresa-Sociale-Logo-Mini
Fondata da CGM / Edita e realizzata da Iris Network
ISSN 2282-1694
Tempo di lettura:  2 minuti
Argomento:  Policy
tag:  Filantropia
data:  18 settembre 2021

La filantropia si fa verde

Redazione

Gli enti filantropici italiani - non solo quelli che hanno come mission le questioni ambientali - partecipando ad un movimento che ha visto azioni analoghe in altri Paesi europei, firmano una dichiarazione di intenti per inserire nelle proprie strategie e nella propria operatività il tema dei cambiamenti climatici.


Ad oggi sono già 61 le organizzazioni firmatarie di una Dichiarazione, promossa da Assifero, con cui gli enti filantropici si impegnano ad inserire in modo significativo il tema del cambiamento climatico nelle priorità e nelle azioni che essi intendono promuovere.

Questa iniziativa si inserisce all’interno di un vero e proprio movimento globale della filantropia per il clima, collocandosi nella cornice dell’International Philanthropy Commitment on Climate Change, promosso da WINGS con Dafne – Donors and Foundations Networks in Europe, insieme alle dichiarazioni d’impegno nazionali già lanciate nel 2019 nel Regno Unito, e poi nel 2020 in Francia e in Spagna, promossi rispettivamente dall'Association of Charitable Foundations, Centre Français des Fonds et Fondations, e Asociación Española de Fundaciones.

Il cambiamento climatico, lungi dall’essere inteso esclusivamente come un problema di natura ambientale, rappresenta anche una questione di giustizia sociale, di salute pubblica, una questione educativa, economica, scientifica e culturale, di sicurezza e una minaccia per le comunità locali. La consapevolezza che i promotori intendono diffondere è che ciascuno di noi e ciascuna organizzazione ha la possibilità di fare la differenza, sia attraverso azioni di adattamento, sia attraverso azioni di mitigazione; questo significa che la questione climatica è da ritenersi rilevante per tutte le fondazioni e gli enti filantropici, non soltanto per quelli che hanno come mission specifica e ambito d'intervento prevalente gli interventi sull’ambiente (environmental funders).

L’idea stessa, oggi sempre più presente nelle strategie e nelle politiche sia dei governi che degli enti di Terzo settore, che sia necessario lavorare avendo come orizzonte gli obiettivi di sviluppo sostenibile comporta l’attenzione a ripensare le attività economiche e le professioni coerenti con l’obiettivo di un ambiente più pulito e salubre, oltre a investire per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici e dei danni ambientali già oggi presenti. Grazie alla loro autonomia e alla flessibilità di cui dispongono nel gestire le loro risorse, le fondazioni possono contribuire ad un nuovo paradigma culturale, volto ad assicurare che ogni persona abbia accesso alle opportunità che nascono dalla transizione economica, sociale e ambientale. In considerazione di quanto esposto, numerosi gli enti filantropici italiani hanno sottoscritto i principi di seguito elencati:

  1. Formare e informare. Ci impegneremo a promuovere e creare occasioni di formazione e scambio per lo staff, i membri del board, le realtà con cui collaboriamo e altri portatori di interesse sulle cause e le possibili soluzioni alla sfida del cambiamento climatico nella sua accezione più ampia.
  2. Stanziare risorse. Ci impegneremo a destinare risorse finanziarie, intellettuali, relazionali e materiali per la ricerca delle cause e delle soluzioni alla sfida del cambiamento climatico e i suoi effetti.
  3. Rileggere la propria strategia e attività in corso anche attraverso la lente del clima. Ci impegneremo a promuovere una nuova lettura, fatta attraverso la lente del clima, della strategia della nostra organizzazione, della governance, dei programmi e dei progetti in campo.
  4. Promuovere investimenti responsabili. Promuoveremo una scelta di investimenti responsabili che favorisca la transizione ecologica verso un’economia a zero emissioni
  5. Decarbonizzare le attività operative. Ci impegneremo per diminuire il nostro impatto ambientale, tramite la riduzione dell’impronta di carbonio, la riduzione dei consumi, una politica di riciclo dei rifiuti e altre azioni mirate.
  6. Comunicare i risultati raggiunti. Ci impegneremo ad informare sull’evoluzione e sui risultati raggiunti in merito ai principi sottoscritti in questa dichiarazione d’impegno.

 

Per adesioni è possibile scrivere a Francesca Mereta, Coordinatrice della Comunicazione Esterna di Assifero f.mereta@assifero.org.

Rivista-impresa-sociale- Redazione

Redazione

Tempo di lettura:  2 minuti
Argomento:  Policy
tag:  Filantropia
data:  18 settembre 2021
Ultimi articoli
Indicatori per l’analisi e la valutazione: il caso CRI
Marco Accorinti, Francesca Cubeddu, Silvia Piscitelli
Sostieni Impresa Sociale

Impresa Sociale è una risorsa totalmente gratuita a disposizione di studiosi e imprenditori sociali. Tutti gli articoli sono pubblicati con licenza Creative Commons e sono quindi liberamente riproducibili e riutilizzabili. Impresa Sociale vive grazie all’impegno degli autori e di chi a vario titolo collabora con la rivista e sostiene i costi di redazione grazie ai contributi che riesce a raccogliere.

Se credi in questo progetto, se leggere i contenuti di questo sito ti è stato utile per il tuo lavoro o per la tua formazione, puoi contribuire all’esistenza di Impresa Sociale con una donazione.